sabato 15 dicembre 2018

Il #seguimichesonofelice di Ilaria Evangelisti: un buon manuale di (quasi) felicità - (da una vera recensione su Amazon)

Ho letto #seguimichesonofelice in un paio d’ore, tutto d’un fiato, perché quando cominci non riesci a trovare il punto in cui dici “vabè mi fermo qui per oggi, continuo domani.” E appena ho chiuso il libro mi sono accorta che da due ore il mio viso sorrideva, perché tutte le piccole storie felici raccontate mi hanno ricordato e proiettato nelle mie piccole storie felici. E allora da oggi la inseguirò con forza questa piccola felicità che ho sotto gli occhi e che spesso do per scontata, insieme alla volontà di essere io stessa un po’ della piccolastoriafelice di chi condivide con me la vita o solo uno sguardo di passaggio per strada.
Credo che questo libro sia un buon manuale, da riprendere in mano ogni tanto.

venerdì 14 dicembre 2018

Il #seguimichesonofelice di Monica Ciabattoni

"Ogni mattina alzati e cerca la felicita' "
Bellissimo libro scorrevole e divertente nei suoi aneddoti famigliari , coinvolgente nella perdita dei propri cari!!!
Cercare e trovare la felicità nelle piccole cose non è per tutti: consigliatissimo .
Complimenti all'autore!!! E un grande grazie perché mi ha suggerito come andare avanti nelle piccole e grandi difficoltà che ogni giorno incontro.
Monica Ciabattoni 

giovedì 13 dicembre 2018

Da una recensione vera su Amazon: la felicità può essere concreta?

DA UNA VERA RECENSIONE SU AMAZON
"...felicità. Cos'è la felicità?
Un'emozione astratta.
Poi leggi "Piccola storia felice" e riesci a toccarla."
https://www.amazon.it/dp/1729291694https://www.amazon.it/dp/1729291694

martedì 11 dicembre 2018

La grande storia triste degli incivili contro la nostra piccola storia felice (si parla del posto auto disabili occupato)

Ieri sera abbiamo trovato ancora occupato (ore 19.30) il posto disabili riservato a nostro figlio (con numero di concessione regolare).
Ho cominciato a telefonare alla Polizia Municipale del 13mo municipio ogni mezzora ma purtroppo si sa, le forze in campo sono poche rispetto a una città enorme.
Non faccio una colpa alla Municipale perchè sono uomini, padri e madri come noi, e devono gestire, con pochi mezzi e scarso personale, Municipi immensi (il nostro, se non sbaglio, si aggira attorno ai 200 mila abitanti).
La pattuglia notturna è arrivata sotto casa nostra alle 23.21. Sono uscito sul balcone a ringraziarli e hanno cominciato la lunga procedura che prevede identificazione del veicolo, multa e poi la rimozione con carro attrezzi.
Spesso ci capita, in queste tre ore almeno di attesa, che i maleducati, gli incivili, facciano in tempo a svolgere i loro comodi e andarsene via impuniti senza neanche una multa guadagnandosi solo qualche nostro urlaccio (per poi a volte tornare indietro e restituirci l'insulto).
Mi sento suggerire da amici di tutto e di più: "spaccagli il vetro, rompigli i tergicristalli, bucagli la gomma, parcheggiagli di fianco e non farlo uscire ecc.ecc."
No, io preferisco la lunga attesa della e nella giustizia.
E' faticoso far scendere i bambini sotto casa, metterli al sicuro, e cominciare a cercarsi il posto.
E' faticoso sollecitare ogni mezz'ora la Municipale.
E' faticoso aspettare per ore che arrivino sperando che l'incivile non arrivi prima e se ne vada impunito, ancora una volta
E' faticoso e non si viene totalmente ripagati dal retrogusto dolce amaro che dà il lampeggio del carro attrezzi.
E' faticoso seguire le lunghe e tortuose vie della Legge ma è giusto farlo, almeno noi che siamo genitori responsabili dobbiamo farlo non solo per noi stessi e i nostri figli ma pure per questi incivili e i loro figli.
All'inciviltà si risponde con la civiltà, con le regole, con la legge altrimenti diventa la guerra di tutti contro tutti e se per la "pace" devo soffrire qualche ora di attesa, ben venga.
Alla grande storia triste degli infelici e incivili, opporrò sempre la nostra piccola storia felice.

ps: un ringraziamento speciale davvero alla Polizia Municipale di Roma



lunedì 10 dicembre 2018

Il #seguimichesonofelice di Sonia Galanti

Ho letto questo libro in poche ore, è scritto con una semplicità disarmante, sono attimi di vita vissuta con spensieratezza, dove anche i problemi quotidiani vengono trasformati in motivi per cui vada la pena essere felici. In alcuni momenti mi sono commossa ed in altri emozionata...mi ha fatto capire che tutti noi possiamo essere felici perché la felicità sta nelle piccole cose che viviamo tutti i giorni e va rispettata e coltivata.
Libro da tenere sotto mano nei momenti difficili,consigliatissimo come pensiero di Natale.

domenica 9 dicembre 2018

Da una recensione vera su Amazon: il #seguimichesonofelice di Daniele

Non è un manuale della felicità, ma una cosa molto simile.
Questo libro non ha la presunzione di volerci insegnare qualcosa di magico per essere felici, ma ti lascia riflettere e fa acquisire la consapevolezza che si possono riscoprire grandi gioie nelle piccole cose che la vita ci offre, ma che spesso non ce ne rendiamo subito conto.
Leggendo, mi sono trovato in prima persona a vivere qulle piccole storie felici, apprezzandone la semplicità ed allo stesso tempo l'importanza profonda.
!molto bella anche la dedica a pagina 91!

venerdì 7 dicembre 2018

il #seguimichesonofelice di Lucia Palmioli per il quotidiano on line Inlibertà.it

"Raccontando personali esperienze ed aneddoti, condividendo riflessioni, storie e pensieri, Giorgio si rivolge al lettore regalando e descrivendo una fondamentale quanto basilare lezione di vita:preoccupati di ampliare la tua sfera di influenza, quella in cui ti è permesso esercitare il tuo controllo e riduci la sfera del coinvolgimento, dove poco puoi fare, se non imparare a lasciare andare. E sforzati di essere felice. É scientificamente riconosciuto che ridere fa bene, anche a lavoro. Ridere è una sana abitudine da coltivare, un allenamento. Un po’ come appoggiare l’occhio ad un caleidoscopio: caleidoscopio, dal greco “vedere bello”. 
Questo gioco di specchi rende effettivamente tutto un po’ più bello oltre che confuso. Perché vedere bello significa anche lavorare su noi stessi. La ricerca suggerisce che vedere il bicchiere mezzo pieno giova alla salute e alla nostra forma mentis."


continua a leggere la bella presentazione al mio libro di Lucia Palmioli su
inlibertà.it




giovedì 6 dicembre 2018

Da una recensione vera su Amazon: il #seguimichesonofelice di Raffaella

Un libro “contagioso”…lo leggi e ti rendi conto che da quel momento ogni viso che incontri, ogni esperienza che fai…anche la più quotidiana, può diventare un raggio di sole in una giornata nuvolosa. Perché tu, Giorgio, mi hai fatto ricordare una cosa importante…che la felicità non è una fatalità, ma la conquistiamo giorno dopo giorno, proprio mettendo insieme le nostre piccole storie felici…ed ognuno di noi ce le ha!! E’ proprio questo il bello!! Se uno indossa i tuoi “occhiali” vede felicità anche nelle piccole cose, un po’ come il Piccolo Principe…
Grazie al tuo libro mi sono ricordata che anche io ogni giorno posso trovare la mia piccola storia felice…
Raffaella

mercoledì 5 dicembre 2018

Questa nostra piccola storia felice


Questa nostra Piccola Storia Felice

Ho passato questa notte
a scorrere
sullo schermo della tua schiena
i nostri 14 anni
sistemandoli come pezzi di un puzzle
e come abbiamo fatto
assieme
in tutti questi giorni
La velocità del nostro “incontro”
che a raccontarla
ancora qualcuno non ci crede
la determinazione su quel divano
e ora figli determinati
su un altro divano

sabato 1 dicembre 2018

Il #seguimichesonofelice di Francesca Santacroce

Sapevo che mi avresti sorpresa, che queste pagine sarebbero state pillole di felicità, frutto della tua vita "di strada", germogli di esperienze quotidiane che rasserenano, rincuorano e che danno alla routinaria quotidianità un colore meno grigio. È un libro da leggere dall'inizio alla fine ma anche dalla fine a ritroso, da leggere aprendolo a caso perchè in ogni pagina trovi un sorriso, una nota di nostalgia, di amore che non sempre è scontato che ci circondi. A volte, più semplicemente, rifiutiamo di accogliere nelle nostre esistenze. Grazie alle tue parole, semplici, dettate dal cuore, mi sembra di aver conosciuto Suor Chiara Rusteghini e questo non è dote di tutti. Bravo Giber! #seguimichesonofelice 

acquista il libro qui

------------------------------------------------------

Grazie Francesca. Lo dico per davvero. Hai colto meglio di me, spiegato meglio di me, il senso del mio libro. Grazie davvero
Giber!